Chiesa di San Salvatore (oggi di Sant'Oronzo)

All'interno della cappella si conserva un pregevole altare lapideo

Particolare

Scheda di dettaglio

Tipologia: Tempietto
Ubicazione: Piazza Aldo Moro

Fu costruita a forma ottagonale su ispirazione del gesuita Bernardino Realino negli anni settanta del XVI secolo e fatta edificare da Filippo II Mattei, il quale proprio in quegli anni faceva innalzare la Chiesa nuova in via Libertini a Lecce. All'interno della cappella dedicata al santissimo Salvatore, si conserva il pregevole altare lapideo fatto costruire da Alessandro Mattei nel 1704 a Giuseppe Cino (che ha lasciato incise le sue iniziali), noto scultore e decoratore del barocco leccese. Sul muro esterno a sinistra dell'ingresso si intravede una croce detta "l'orologio te li 'ntichi" poiché secondo un'antica tradizione è una meridiana ideata forse da Frate Lorenzo di S. Maria de Novis, noto come l'autore di una carta geografica di Terra d'Otranto andata perduta.

Il tempio, a pochi metri dalla Chiesa Matrice dedicata a Sant'Andrea Apostolo, si presenta con un insolita pianta ottagonale e con un'epigrafe latina, sormontata da una croce, sulla porta d'ingresso ("Hoc sacellum/Salvatori et Maria/...Tiarum [...]/Dicatum"). Affascinante è la volta "ad ombrello", che rimanda alla soluzione adottata sull'abside della Chiesa di S.Croce a Lecce. Proprio per tali ragioni la chiesa va assegnata probabilmente alla scuola dell'architetto-scultore leccese Gabriele Riccardi.


Contatti e recapiti

Galleria immagini

Particolare

Particolare

Facciata

Facciata

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su