Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

COSME: Bandi per prodotti turistici culturali transnazionali e turismo e accessibilità per tutti

  Bando COSME riguardante il sostegno a prodotti turistici culturali transnazionali e al turismo accessibile per tutti.

  • Data: 17.09.14
  • Categoria: Sportello Europa
  • Autore/Fonte: Commissione europea - Sito Web Europa 127-G-ENT-PPA-14-7722

Dettagli della notizia

 

Quadro politico europeo

Il trattato sul funzionamento dell'Unione Europea prevede che l'Unione completi l'azione degli Stati membri nel settore del turismo, in particolare promuovendo la competitività di tale settore (Titolo
Turismo XXII, art. 195 Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE)). Misure di sostegno,
coordinamento o supplemento all'azione degli Stati membri sono in particolare finalizzate a:
(a) incoraggiare la creazione di un ambiente favorevole allo sviluppo delle imprese in questo
settore;
(b) favorire la cooperazione tra gli Stati membri, in particolare attraverso lo scambio delle buone practice.

Al fine di mantenere la leadership del turismo in Europa, vi è la necessità di modernizzare la politica europea del turismo e dell'offerta. Diversificare i nostri prodotti turistici, sfruttando il nostro patrimonio comune (naturale, culturale, storica, industriale, ecc) è la prima priorità elencata nel piano d'azione della Commissione europea per il turismo emesso nel 2010.

I "prodotti turistici" tematici transnazionali e servizi sono un importante mercato di nicchia con una grande crescita potenziale (ad esempio, itinerari culturali che attraversano diversi paesi, siti del patrimonio industriale in vari Stati membri). Pur riconoscendo il ruolo importante che gli Stati membri svolgono nello sviluppo e nell'attuazione di strategie per il turismo a livello nazionale e regionale, l'Unione dovrebbe aiutare lo sviluppo e la promozione dei prodotti turistici transnazionali che condividono gli stessi valori europei e il patrimonio comune e promuovere l'Europa come "unica destinazione turistica".

Per "prodotto turistico" s'intende una combinazione di diversi aspetti (caratteristiche dei luoghi visitati,
modi di trasporto, tipi di alloggio, attività specifiche a destinazione, ecc.) intorno ad un centro specifico
di interesse, quali itinerari naturalistici, vita nelle aziende agricole, visite a siti storici e culturali, visite a una città particolare, pratica di specifici sport, ecc. Questa nozione di "prodotto turistico" non è legata al concetto di "prodotto" utilizzato nelle statistiche economiche, piuttosto a quello utilizzato dai professionisti del settore del mercato turistico nella vendita di pacchetti o destinazioni specifiche. Si parla quindi di specifiche tipologie di "prodotti turistici", come il turismo culinario, l'ecoturismo, il turismo della città, il turismo sole e spiaggia, agro-turismo, turismo della salute, turismo invernale, etc.

L'invito è diviso in 2 temi. È possibile presentare una proposta per entrambi i temi, ma in due applicazioni distinte.

 

2.1 TEMA A - TURISMO CULTURALE

L'avviso completa le politiche regionali e nazionali per sostenere la cooperazione transeuropea volta alla
progettazione di prodotti innovativi transnazionali capitalizzando il patrimonio culturale e/o industriale condiviso, al fine di contribuire a:

diversificare l'offerta turistica europea; la rigenerazione economica e la creazione di posti di lavoro nelle regioni (post) industriali in declino.

Pertanto, gli obiettivi specifici del lotto sono:

· aiutare la progettazione di strategie turistiche;

· promuovere il turismo nelle regioni in crisi o in via di conversione, al fine di promuovere l'occupazione e la crescita in queste regioni;

· agevolare lo scambio di buone pratiche, lo sviluppo di reti e di piattaforme di discussione
tra decisori pubblici e il settore privato, nei settori del turismo culturale e industriale;

· facilitare e stimolare partenariati pubblico-privati ​​e l'integrazione delle imprese della cultura
settore del turismo nelle strategie di sviluppo regionale;

· migliorare la qualità dell'offerta turistica europea con una cooperazione transfrontaliera rafforzata;

· rafforzare la capacità di gestione di enti pubblici o privati ​​incaricati di sviluppare tematiche sui prodotti turistici.

 

Azioni finanziabili

Il presente invito mira a sostenere partenariati di cooperazione transnazionale e pubblico-privati​o, nel campo del patrimonio culturale o industriale correlati ai prodotti turistici transnazionali. Pertanto si concentra sullo "sviluppo del prodotto" e/o sulle "fasi promozionali".

i candidati sono liberi di proporre ogni tipo di azione che sia in linea con gli obiettivi del bando come: analisi di mercato che portino all'identificazione di un tema comune correlato al patrimonio culturale o industriale; mappatura delle destinazioni/siti attrattivi e servizi turistici e culturali che potrebbero essere correlati al tema identificato; identificazione di partners, stakeholders chiave e sponsors; business plan basati sull'analisi delle

capacità di sostenere il prodotto turistico transnazionale identificato, attività di rete (networking), sensibilizzazione, ecc.

Saranno particolarmente gradite le proposte che riguardano i seguenti elementi:

· combinazione di patrimonio industriale e di vita in azienda (visita a imprese e ai loro musei) a condizione che la proposta sia conforme al principio del non-profit previsto dal bando;

· prodotti costruiti intorno a personaggi storici di fama mondiale (europei o che hanno vissuto in Europa) o eventi europei (turismo della memoria/del ricordo, ad esempio intorno a guerre mondiali, fasi dell'integrazione europea, in particolare rivolto ai giovani);

· prodotti sul patrimonio costiero e marittimo;

· prodotti basati sulle migrazioni (ad esempio, visitare i luoghi dei propri antenati);

· itinerari "spirituali";

· percorsi gastronomici con un andamento narrativo europeo (ad esempio dove è stato introdotto un alimento, come si è diffuso attraverso l'Europa, la descrizione delle rotte commerciali e dei diversi modi per prepararlo, ecc);

· strade che partono o che terminano al di fuori dell'Europa;

· turismo basato sull'esperienza, quando ad esempio i turisti vivono per un momento la vita della comunità di accoglienza (pescatori) o sono invitati a realizzare dei prodotti in ceramica dopo la visita a un museo e una fabbrica.

 

L'invito prevede che ogni progetto debba rispondere alle seguenti caratteristiche:

· essere tematico (cioè il prodotto turistico transnazionale deve essere concepito e strutturato attorno a un tema comune; il tema deve essere correlato al patrimonio culturale o industriale europeo e deve essere chiaramente identificabile);

· essere tecnicamente e finanziariamente sostenibile;

· creare effetti misurabili;

· essere transnazionale: il prodotto turistico deve avere una dimensione europea intesa sia nel senso di copertura geografica di almeno 5 diversi Stati UE, sia nel senso di essere rappresentativo del patrimonio culturale comune europeo e dei suoi valori;

· essere realizzato da un partenariato/consorzio la cui compagine sia costituita da almeno 5 partner con sede legale in almeno 5 diversi Stati, dovrà trattarsi di un partenariato pubblico/privato (almeno 2 PMI ed enti pubblici);

· dare visibilità al coinvolgimento dell'Unione europea nel progetto.

 

2.2 TEMA B – TURISMO ACCESSIBILE PER TUTTI: piani di capacity building per rafforzare l'imprenditorialità e la gestione del turismo.

Il presente invito si concentra sullo sviluppo e l'implementazione di programmi di capacity building. Anche la promozione del programma è considerata come parte dell'implementazione.

 

Attività finanziabili

I partecipanti sono liberi di progettare, attuare e promuovere il programma di capacity building in base alle proprie esigenze, tendendo presente che lo scopo del programma è di rendere accessibile agli imprenditori del settore turistico, alle organizzazioni turistiche nazionali e locali, e ad altre autorità pubbliche, gli strumenti teorici e pratici che consentiranno loro di sviluppare programmi di politica, strategia, commercializzazione e prodotto per l'accessibilità del turismo.

I programmi di capacity building dovrebbero avere un forte approccio pratico, come ad esempio: analisi di scenari di casi reali, la partecipazione di figure di primo piano e di imprenditori di successo, guida e strumenti di supporto, tra cui strumenti ITC, ecc.

Il programma di capacity building dovrebbe anche mirare a costruire nuove relazioni e network per imprenditori e decisori politici partecipanti. La proposta dovrebbe quindi spiegare chiaramente come "attivare la rete" e come implementarla e valutarla. Verrà valutato in modo più favorevole il fatto che le proposte siano focalizzate sulle PMI.

L'invito prevede che ogni proposta progettuale debba soddisfare le seguenti caratteristiche:

· essere tecnicamente e finanziariamente sostenibile;

· creare effetti misurabili;

· essere realizzata da un partenariato/consorzio pubblico/privato composto da un minimo di 3 partner, di cui almeno un partner deve essere un ente pubblico, almeno un partner deve essere un ente che eroga formazione (università, business school, istituti di formazione professionale), almeno un partner deve essere una associazione di imprese/camera di commercio, industria artigianato o organismi analoghi e loro associazioni ombrello;

· il consorzio può essere transnazionale (cioè composto da entità giuridiche indipendenti con sede legale in almeno 3 paesi diversi); tale requisito non è obbligatorio.

· dare visibilità alla partecipazione dell'Unione europea al progetto.

 

Soggetti proponenti

Entità giuridiche stabilite in un qualsiasi paese dell'Unione Europea.

Il consorzio deve essere composto da:

· per Tema A: un minimo di 5 persone giuridiche diverse con sede legale in almeno 5 paesi diversi;

· per Tema B: un minimo di 3 persone giuridiche con sede in almeno 3 paesi diversi.

Il consorzio deve includere almeno:

· per Tema A: un'autorità pubblica e due PMI;

· per Tema B: un ente pubblico, un fornitore di formazione nel settore del turismo (università, scuola, fornitori di formazione professionale) e un'associazione di categoria e/o camera di commercio, dell'industria e dell'artigianato o organismi analoghi e loro associazioni ombrello.

 

I richiedenti devono corrispondere alla definizione di uno dei seguenti organismi ed essere attivi nel campo del turismo, della cultura, dello sviluppo regionale, della pianificazione territoriale o in qualsiasi altro campo che è strettamente legato all'oggetto del bando:

· autorità governative pubbliche nazionali regionali o locali (ministeri, regioni, province, comuni, dipartimenti ecc.) oppure un loro network o associazione o altre organizzazioni che agiscono per conto di una public authority;

· istituzioni di formazione accademica, fornitori di formazione professionale in ambito turistico o centri di ricerca;

· organizzazioni che operano nell'ambito della gestione di destinazione e loro network/associazioni;

· agenzie di viaggio e tour operator, e loro associazioni ombrello;

· camere di commercio e industria, camere dell'artigianato o organismi analoghi e loro associazioni ombrello;

· organizzazioni non governative o non lucrative, organizzazioni della società civile, fondazioni, organizzazioni di disabili e organizzazioni di beneficienza/fondazioni;

· organizzazioni/associazioni internazionali, europee e nazionali attive nel campo del turismo o in campi ad esso correlati;

· PMI pubbliche o private.

 

Finanziamento UE

L'invito ha una dotazione finanziaria complessiva pari a € 1.650.000,00 di cui € 1.000.000,00 destinati a finanziare le progettualità ricadenti nell'ambito del tema A (Turismo culturale/industriale), con la previsione indicativa della Commissione di finanziare 4/5 progetti e € 650.000,00 destinati a finanziare le progettualità ricadenti nell'ambito del tema B (Turismo accessibile per tutti), con la previsione indicativa della Commissione di finanziare 3/4 progetti.

La sovvenzione non potrà superare il 75% dei costi ammissibili con un massimale di € 250.000,00 per i progetti presentati sul tema A e di € 180.000,00 per i progetti presentati sul Tema B.

 

Modalità e procedura

Le azioni hanno una durata massima di 18 mesi con inizio in aprile 2015.

Possono partecipare tutti i paesi dell'Unione Europea e le candidature devono essere presentate utilizzando il servizio elettronico di presentazione delle proposte reso disponibile sul sito:

http://ec.europa.eu/enterprise/newsroom/cf/itemdetail.cfm?item_id=7700&lang=en&title=Transnational-cultural-tourism-products-and-Tourism-and-accessibility-for-all

 

Scadenza del bando

Le candidature complete della documentazione indicata dovranno pervenire alla Commissione, con le modalità descritte nel manuale entro e non oltre il giorno 21 ottobre 2014 ore 17.00 (ora di Bruxelles).

 

Aree geografiche coinvolte

Tutti i paesi dell'Unione Europea.

 

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina