Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Bando JUST/2014/JDRU/AG/DRUG: Azioni di finanziamento volte a sostenere progetti transnazionali nell’ambito delle politiche comunitarie sulle droghe

Call for proposals JUST/2014/JDRUG/AG/DRUG - Action grants to support transnational projects in the area of EU drugs policy – Justice Programme (2014-2020)

  • Data: 16.09.14
  • Categoria: Sportello Europa
  • Autore/Fonte: Commissione europea - Sito Web Europa DG Giustizia del 14/08/2014

Dettagli della notizia

 

L'invito a presentare proposte per azioni di finanziamento è basato sul programma di lavoro 2014 finalizzato all'implementazione del Programma Giustizia (Justice Programme).

Esso ha lo scopo di cofinanziare progetti transnazionali che siano coerenti con l'obiettivo specifico del Programma e supportino iniziative nel settore delle politiche sulle droghe con riferimento alla cooperazione giudiziaria e gli aspetti di prevenzione dei reati strettamente legati all'obiettivo generale del Programma Giustizia.

 

Priorità e attività finanziabili

Le priorità espresse nell'ambito di questo bando sono le seguenti:

- Nuove sostanze psicoattive: supportare l'attuazione della normativa UE in materia di nuove sostanze psicoattive, migliorando la capacità di individuare e valutare le nuove sostanze e di rispondere efficacemente alla rapida diffusione nell'UE, riducendo la disponibilità di sostanze dannose, monitorando l'entità e le modalità d'uso di sostanze, e condividendo buone pratiche per la prevenzione.

- Riabilitazione: sviluppare e condividire approcci innovativi finalizzati alla prevenzione di ricadute e buone prassi per il reinserimento e la riabilitazione di tossicodipendenti, compresi gli ex-detenuti, anche con metodi alternativi alle sanzioni coercitive.

- Buone pratiche: favorire lo scambio di buone pratiche per la cooperazione tra autorità pubbliche che operano nell'ambito delle droghe a livello regionale e locale e la società civile, per garantire che le azioni di prevenzione e la riduzione della domanda di droghe siano collegate, in modo da migliorare l'efficacia delle attività di prevenzione, di riduzione del danno e di applicazione della legge, e contribuire così a prevenire e ridurre il numero di reati legati alla droga.

- Società civile: supportare il coinvolgimento della società civile nell'attuazione degli obiettivi della Strategia europea sulle Droghe 2007-2013 e delle azioni specifiche del Piano d'Azione UE 2013-2016, volte specialmente alla riduzione delle conseguenze negative delle sostanze illegali sugli individui e sulla società.

 

Le attività finanziabili includono:

- raccolta di dati, sondaggi e attività di ricerca;

- attività di formazione;

- scambio di buone prassi, cooperazione, compresa l'individuazione di buone prassi applicabili negli altri Paesi partecipanti;

- attività di disseminazione e sensibilizzazione.

 

Non saranno finanziate dalla Commissione i seguenti tipi di attività:

- Singole sponsorizzazioni/borse di studio per la partecipazione a workshop, seminari, convegni, congressi, corsi di formazione ecc.;

- Attività a sostegno dei singoli partiti politici;

- Concessione di un sostegno finanziario a terzi;

- Azioni legali dinanzi a tribunali nazionali o internazionali, indipendentemente dai loro obiettivi o motivazioni.

 

Beneficiari

Organizzazioni pubbliche e private legalmente costituite in uno dei Paesi europei ammissibili (ad eccezione della Danimarca e il Regno Unito in quanto non partecipano al Programma Giustizia).

Forma giuridica: il soggetto proponente e i partner di progetto devono essere legalmente costituiti, siano essi organizzazioni pubbliche o private, o organizzazioni internazionali in uno dei Paesi ammissibili: Stati Membri dell'UE, ad eccezione di Regno Unito e Danimarca.

Non-profit: il soggetto proponente deve essere un'organizzazione non-profit. Le organizzazioni aventi scopo di lucro potranno avere accesso al finanziamento sono in qualità di partner di progetto.

 

Risorse finanziarie disponibili

Il finanziamento comunitario a disposizione del bando è pari a € 2.509.000.

Il contributo UE può coprire fino all'80% dei costi totali ammissibili del progetto.

Non verranno presi in considerazione progetti che richiedono una sovvenzione inferiore a € 75.000. Non è previsto un tetto massimo per la richiesta di sovvenzione.

 

Modalità e procedura

Il progetto deve avere carattere transnazionale ed essere presentato da una partnership costituita da organizzazioni di almeno 2 diversi Paesi ammissibili.

Il soggetto proponente può presentare più di una proposta progettuale per questo bando.

Inoltre, un proponente può partecipare in qualità di partner anche a progetti presentati da altre organizzazioni, così come un'organizzazione può partecipare a più progetti in qualità di partner. Tuttavia, le organizzazioni interessate a partecipare a più progetti devono dimostrare di avere sufficiente capacità operativa e finanziaria per l'attuazione delle attività loro assegnate nel caso più di un progetto venga selezionato per il finanziamento.

I progetti proposti devono prevedere una durata massima di 24 mesi.

I progetti devono essere presentati utilizzando l'apposito sistema PRIAMOS per la presentazione online delle proposte, accessibile dalla pagina web dedicata al bando (http://ec.europa.eu/justice/grants/priamos/index_en.htm)

Il riferimento nel sistema PRIAMOS per questo bando è: JUST/2014/JDRU/AG/DRU

 

Scadenza

05/11/2014, ore 12.00 (ora dell'Europa centrale)

 

Aree geografiche coinvolte

UE 28 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

 

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina